Colpite agenzie immobiliari contro gli sfratti a Cagliari

“Nella notte del 18 Luglio abbiamo incollato le serrature e imbrattato le vetrate a due agenzie immobiliari in via Pessina, e scritto su un muro “Basta sfratti”. La mattina seguente nello stesso quartiere era in programma uno sfratto.”

A Cagliari come quasi ovunque sono in continuo aumento gli sfratti a danno di inquilini insolventi o abusivi. Da un paio d’anni a questa parte il Movimento di Lotta per la Casa resiste contro alcune ingiunzioni di sfratto con picchetti solidali, che nella quasi totalità dei casi riescono ad ottenere un rinvio, e occupazioni. La questura cagliaritana in linea con altre città (vedi Torino), da poco ha fatto sapere ad alcuni inquilini sotto sfratto che verrà utilizzato un nuovo metodo per sbatterli in  mezzo alla strada, e cioè che a partire da una data che verrà loro comunicata, lo sfratto avverrà senza preavviso – quindi a sorpresa -.

Ci sembra quindi ovvio e giusto che c’è chi voglia rispondere a questo ulteriore intimidazione degli sbirri, che si va a sommare al generale clima repressivo cagliaritano di questa calda estate 2018. Questo attacco alle agenzie immobiliari, di cui tra l’altro non si trova notizia in alcun quotidiano, va a toccare alcuni fra quelli che più guadagnano sulla speculazione edilizia in corso spinta dalla fortissima gentrificazione che tutta Cagliari sta subendo.

Sabotaggio contro il progetto del campo federale al Grand Saconnex a Basilea

fonte: freccia spezzata   20.07.2018 “I campi per sans-papiers si diffondono all’interno come all’esterno dell’Europa. In Svizzera, si stanno costruendo 20 nuovi centri federali per persone richiedenti l’asilo. Questo eufemismo non deve nascondere il loro carattere di gestione, di controllo e di isolamento, che non cessa di aumentare. Al Grand Saconnex, vicino a Ginevra, è previsto…

“Su Etica, sabotaggio e terrorismo” di Alfredo Cospito

Anch’io, come a quanto pare Congegno individualista, nutro interesse in quello che è un “dibattito”, a mio avviso, lasciato morire se proprio non si vuol dire mai intrapreso. Pubblico di conseguenza il testo di Alfredo con la brevissima introduzione (che per quanto poco argomentata, mi sento di dire che condivido) apparsa sul blog Congegno individualista.…

Il progetto

Nato dalla carica antiautoritaria che la merda movimentista non è riuscita a uccidere, Parole al vento non è un mero calendario di eventi e appuntamenti quanto invece uno strumento telematico contenente approfondimenti, avvenimenti, riflessioni e in generale testi anarchici. Non rappresenta alcuna collettività e nemmeno aspira a farlo: è anzi espressione di un’individualità in lotta contro il riconoscimento di qualunque autorità che non sia quella dell’Io.

 


 

As it came to life from the antiauthoritarian drive that the movement shit didn’t manage to kill off, Parole al vento is not a mere calendar of events and appointments but is a telematics instrument comprising analysis, events, thoughts and anarchist texts in general. It doesn’t rapresent any collective nos does aspire so: on the contrary it is the expression of individuality in struggle against the acceptance of any authority which is not that of Self.

Anarchia contro socialismo

Il titolo mostra la mia convinzione riguardo l’impossibilità di un’onesta alleanza tra queste due filosofie di vita. Ho considerato come entrambe le parti soffrano seriamente per via dello sforzo fatto a riconciliare ciò che è incompatibile, il pensiero si è fatto sempre più confuso e l’azione è degenerata a sterile opportunismo. Credo, ora più che…

Attaccata stazione di polizia a Rostock

da: 325 21.07.18: Durante le prime ore del mattino del 20 luglio, abbiamo attaccato la stazione di polizia in via Ulmen a Rostock con fuochi d’artificio. Questo in risposta ai raid assolutamente non necessari nelle case dei nostri compagni a Greifswald. Giovedì mattina, un totale di 100 sbirri è stato impiegato per perquisire case ed…

Incendiata auto appartenente al fornitore di polizia e militari Dräger a Berlino

da: 325 16.07.18: La scorsa notte un’auto appartenente alla compagnia Dräger è stata incendiata in via Hänsel street a Baumschulenweg.Tra le altre cose, questa azienda che è quotata in borsa produce maschere antigas per la polizia e per usi militari. Nel 2010, i locali di Dräger a Berlino e Cologna erano stati attaccati con la…

“Requiem per un viaggio senza ritorno” di Nikos Romanos

Pubblico ora un testo scritto dal prigioniero anarchico Nikos Romas scritto pochi giorni dopo la chiamata per un “Dicembre Nero” di qualche anno fa.     Oggi parlerò di quella che dovrebbe essere considerata come un’autentica testimonianza dell’anima alla memoria rivoluzionaria. La testimonianza della mia anima a proposito di un incidente che è diventato il…

Cazzari

da Finimondo: Quelli in alto salgono sul palcoscenico tutti i giorni. Quelli in basso, di tanto in tanto. Qualsiasi cosa facciano, qualsiasi cosa dicano, è credibile quanto la resurrezione di Cristo, quanto la verginità di una pornostar, quanto il pacifismo di un generale. Prendete gli ultimi… No, così non va. Troppo brusco. Prima di sputare…

Incendiato veicolo della Engie a Marsiglia

da: Anarhjia.info Inizio luglio, viale Hilarion Boeuf, a Marsiglia, è stata incendiato un veicolo della Engie. Inéo (sussidiaria della Engie) è stata scelta per la realizzazione di una piattaforma big data[1] a marsiglia. alla prossima… minimalista

Aggiornamenti e contributo sul presidio in solidarietà ai 4 indagati per istigazione a delinquere a Cagliari

Cagliari A seguito dell’affissione dei manifesti per il Benefit Antifascista del 27 luglio, quattro compagni sono indagati per istigazione a delinquere e apologia di reato, perché solidali con Paska, Giova e Ghespe, compagni accusati di un attacco alla sede di Casapound a Firenze e attualmente in carcere.  I quattro sono stati convocati per un interrogatorio…

Punk’s not…

Articolo tratto dal primo numero dell’aperiodico anarchico “Machete“     Sì, lo so. Mai niente e nessuno ha potuto impedire a ribelli ventenni pieni di rabbia di diventare imprenditori quarantenni pieni di buon senso. Sono trascorsi tanti anni, ma ho ancora davanti agli occhi i reduci sessantottini che ci guardavano con compassione dall’alto dei loro…

Dichiarazioni lette in aula da Paska

“NULLA DA SUONARE, NULLA DA ASCOLTARE, NULLA DA FESTEGGIARE! In una serata estiva di giugno di due anni fa, la Banda della Polizia Italiana si esibì in una piazza di Giulianova paese, all’interno della manifestazione del festival delle bande internazionali della cittadina. A pochi metri dai nostri spazi e nella zona che quotidianamente noi percorrevamo…

Note su vertici e contro-vertici

Condivido ora questo documento risalente al “lontano” 2003 in quanto, a mio parere, nel giorno in cui più o meno tutto il “movimento” sbraita contro l’infame nonchè italica polizia autrice dell’omicidio di Carlo Giuliani, va ricordato che la responsabiità della morte di Carlo non è di monopolio statale quanto in realtà condivisa con tutta quella…

Un testo di Juan dalla latitanza

Ho visto che è uscito un manifesto redatto e discusso da vari anarchici in solidarietà nei confronti degli imputati del processo “Scripta Manent”. Penso che sia importante ribadire una presa di posizione collettiva di solidarietà nei confronti dei compagni inquisiti e di complicità alle varie pratiche che da sempre sono patrimonio di ostilità contro l’autorità.…